Blog


Il mondo del Digital Marketing non sarà più un mistero grazie al nostro Blog!

Come impostare al meglio una campagna Display?

Pubblicato il | Pubblicato in Digital Advertising
Come impostare al meglio una campagna Display?

Quando si parla di pubblicità su Google si è soliti pensare al motore di ricerca tralasciando altri servizi comunque utili a generare del traffico profilato sul proprio sito internet.

Tra questi spicca sicuramente la rete Display di Google: un insieme davvero molto ampio di siti che sono disponibili ad ospitare banner pubblicitari attirando l’attenzione degli utenti che navigano.

Quanti di voi hanno mai avuto modo di utilizzarla e ne conoscono il funzionamento?

1. Mondo display di Google

Abbiamo già anticipato che il “mondo display” comprende davvero tantissimi siti, ma vediamo insieme qualche numero:

  • Il 92% dei siti mondiali fa parte della rete display di Google
  • 2 milioni di utenti unici/mese in Italia
  • +25.000 siti partner su cui scegliere il posizionamento del proprio banner (Italia)

Questi dati indicano enormi possibilità di promozione per tutti coloro che, in una strategia di generazione lead, decidono di essere visibili su siti pertinenti con la loro attività e per utenti interessati al servizio o prodotto sponsorizzato.

In che modo possiamo sfruttare questo bacino enorme di utenti?

2.Impostiamo una campagna display

Le campagne vengono costruite in base a 4 macro aree:

argomenti: riguarda gli argomenti trattati nei siti. Ad esempio, se scelgo come argomento arredamento, potrei atterrare su una pagina di un sito che ne trattano.

interessi: gli utenti finali vengono profilati in base ai loro interessi, pertanto non è primario il sito dove viene posizionato l’annuncio, ma l’utente finale. Un esempio? Se seleziono amanti dei viaggi, sarò visibile a tutti coloro che Google ritiene in linea con questo interesse.

segmenti di pubblico personalizzati per intenzione: per indicare a Google verso quali utenti indirizzare i propri annunci è possibile definire parole chiave e URL correlati al servizio e prodotto offerto.

posizionamenti: tramite questa scelta è possibile indicare dei siti specifici, facendo attenzione che diano effettivamente la disponibilità a Google dei propri spazi su cui posizionare il banner.

Come fare a riconoscerli? Prova a fare un test, entra in un sito per te interessante su cui vorresti posizionare il tuo banner pubblicitario e cerca l’iconcina in alto a destra per avere maggiori informazioni su quel banner pubblicitario.

Una volta scelta una o più aree in cui operare si possono implementare annunci testuali e grafici nei diversi formati, veicolando il messaggio che vorremmo venisse visualizzato dai nostri potenziali clienti.

3. Altri tipi di campagne display

In aggiunta alla display classica, ricordiamo che per display si intendono le campagne di remarketing, utili a richiamare sul sito utenti che ci hanno già visitato dimostrando interesse nei nostri confronti e gmail sponsored promotions, ovvero campagne display all’interno della mail Google.

Quest’ultime appaiono a tutti gli effetti come mail nella sezione promozioni e aumentano la possibilità di interazione da parte dell’utente

Il nostro consiglio, come sempre, è di testare le diverse possibilità offerte dalla rete display, ipotizzare grafiche e messaggi differenti, valutando l’impatto sugli utenti e le performance.

Vorresti avere maggiori dettagli e scoprire insieme a noi come realizzare campagne display efficaci?

Contattaci

293 visualizzazioni