Libra: in arrivo la criptovaluta di Facebook

Facebook ha lanciato Libra, una criptovaluta che sarà disponibile entro il 2020 e che ha l’obiettivo di rendere più agevoli le transazioni finanziarie in tutto il mondo. Mark Zuckerberg promette di semplificare l’invio di denaro, come se si trattasse di condividere un post sui social.

Facebook è quindi entrato ufficialmente nel mondo dei pagamenti e punta a fornire servizi bancari a circa 1,7 miliardi di adulti “unbanked” nel mondo, cioè le persone che non dispongono di un conto corrente bancario.

1. Che cos’è Libra

Il 18 giugno 2019, il fondatore di Facebook Mark Zuckemberg ha annunciato con un post sul suo social la nuova valuta chiamata Libra, governata dalla Libra Association con sede a Ginevra, in Svizzera, di cui fanno parte 28 partner, ma entro il 2019 si potrebbe arrivare a 100.

Libra non è solo una criptovaluta, ma si tratta di un vero e proprio ecosistema finanziario globale. Il nome non è scelto a caso, ma deriva dal latino “libra”, cioè “bilancia” in senso proprio e figurato: infatti, la nuova criptovaluta promette di reinventare il denaro.

Questa moneta digitale è già una “stablecoin”, cioè è ancorata ad asset reali e legata al valore del dollaro. Tutto questo permette di avere un cambio più facilitato, anche rispetto alle altre valute, ed esclude la possibilità di un’estrema volatilità del valore.

Nell’ultimo anno e mezzo Facebook ha avuto un rapporto ambivalente con le criptovalute, da un lato bloccandone le pubblicità sulla piattaforma, dall’altro lasciando trapelare notizie in merito ad un suo possibile interesse.

Il punto di svolta è arrivato a gennaio 2018, quando Facebook ha acquisito una licenza in Irlanda per offrire prestiti personali ai suoi 2,07 miliardi di utenti.

2. I membri fondatori

Libra è un ecosistema che per la prima volta mette in comunicazione società, associazioni e investitori appartenenti a diversi settori.

Come abbiamo già detto, l’associazione che governa il progetto si chiama Libra Association, ha sede a Ginevra ed è attualmente formata da 28 membri, che operano nei settori dei pagamenti, della tecnologia, delle telecomunicazioni, delle blockchain, delle venture capital, non profit e Academic Institutions.

Nel White Paper, la Libra Association ha annunciato di voler raggiungere i 100 membri entro il lancio previsto per la seconda metà del 2020.

Ad oggi, per i membri fondatori è previsto il Libra Investment Token, un secondo token della piattaforma, legato ai rendimenti dai titoli conservati dalla Libra Reserve.

Attualmente, nel network non sono presenti banche o attori del calibro di Apple, Amazon o Microsoft.

3. Il wallet Calibra

Con la presentazione di Libra, è stata presentata anche Calibra, una società direttamente controllata da Facebook. Si tratta del primo wallet disponibile per gestire la nuova criptovaluta ed effettuare transazioni tramite questa moneta digitale e servirà per inviare, ricevere e conservare il valore personale espresso ovviamente in Libra.

I wallet sono strumenti molto utilizzati da tutte le criptovalute, ma Calibra sarà sicuramente l’unico tool ad essere perfettamente integrato con Whatsapp e Messenger, le piattaforme di messaggistica istantanea di Facebook.

Calibra rispetterà tutti gli standard di sicurezza, come il sistema antiriciclaggio e la procedura di riconoscimento utilizzata dalle aziende per verificare l’identità dei propri clienti.

4. Confronto con le altre criptovalute

Al mondo esistono più di 2000 criptovalute, ma che cosa differenzia Libra? Essa è diversa dalle piattaforme permissionless come Bitcoin ed Ethereum perché i requisiti minimi imposti alle aziende per parteciparvi sono molto restrittivi; possiamo quindi parlare di un’infrastruttura permissioned.

Inoltre, Libra è validata da un paniere di valute (per ora Euro, USD, GBP, Yen) che le consentirà di avere un valore stabile nel tempo e si basa su presupposti di sicurezza.

Facebook ha infatti acquisito l’intero team della startup ChainSpace per sviluppare una blockchain in grado di supportare fino a 1000 transazioni al secondo.

Vuoi saperne di più?

Contattaci

66 visualizzazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità del settore digitale, sui servizi della nostra agenzia, su eventi e corsi che realizziamo?

ISCRIVITI