SCOPRI COME FAR ARRIVARE I CLIENTI SUL TUO SITO!

Oramai non c’è più bisogno nemmeno di dirlo: la prima cosa che facciamo tutti, quando dobbiamo effettuare un acquisto, è cercare su Google (o in rari casi su altri motori di ricerca!) e sempre più spesso lo facciamo dal nostro smartphone nei luoghi e nei momenti più disparati. La premessa fondamentale di ogni attività di SEO e content marketing è che per arrivare al nostro cliente dobbiamo “piacere” a Google.
Questo vale praticamente per qualsiasi genere di prodotto o servizio e quindi anche per quello che offri tu! Ma quindi come fa un tuo potenziale cliente che effettua una ricerca online ad arrivare da te? Cosa cerca online? E quindi tu cosa devi fare?

Cosa premiano i motori di ricerca

Partiamo dal presupposto che ad oggi sul web esistono oltre un miliardo di siti web e questo numero cresce quotidianamente in modo esponenziale. Google, il cui obiettivo è fare in modo che gli utenti effettuino ricerche al suo interno così da poter vendere pubblicità agli inserzionisti, cerca in ogni modo di essere il più utile possibile agli utenti stessi. Ciò significa offrire agli utenti il contenuto di loro interesse nel tempo più rapido possibile.
Di conseguenza Google privilegia siti:

  • Veloci: il tuo sito deve caricarsi rapidamente, perché l’utente che deve aspettare (soprattutto se sta effettuando una ricerca da mobile) abbandona il sito privilegiando un competitor
  • Con contenuti utili: il tuo sito deve fornire all’utente l’informazione che cerca e un contenuto che può essere realmente utile. Per questo ad esempio, se si vuole vendere un prodotto o servizio, è meglio evitare di fornire dei contenuti descrittivi stile Wikipedia ma dire subito all’utente perché deve scegliere quel prodotto o servizio e non quello del tuo competitor
  • User friendly: il tuo sito deve essere facile da navigare, l’utente deve capire rapidamente e senza problemi dove deve andare per ottenere ciò che gli interessa. Per questo è importante ad esempio creare delle Call To Action che guidino l’utente

Cosa cercano gli utenti

Contemporaneamente, oltre a “piacere” a Google, il tuo sito, e tutta la tua strategia di SEO, devono essere improntati a intercettare le ricerche reali del tuo target.
Cosa significa questo? Che devi creare dei contenuti pensando a ciò che verosimilmente può cercare il tuo potenziale cliente. Questo può significare effettuare uno sforzo di immaginazione e di immedesimazione ma può portare a notevoli risultati. Il grande lavoro e obiettivo è quindi passare dal pensare per semplice parole chiave a pensare per intenti di ricerca. Devi cioè pensare cosa potrebbe ricerca un utente che potrebbe essere interessato al tuo prodotto o servizi.
Per fare un esempio, magari decidi di impostare tutta la tua strategia e i tuoi contenuti su una determinata chiave di ricerca, come ad esempio “Traslochi Legnano” perché la tua azienda di traslochi ha sede a Legnano. Lavori sul tuo sito e ottieni la prima posizione su Google per questa chiave di ricerca, ciò vuol dire che gli utenti che ricercano su Google “Traslochi Legnano” ti trovano come primo risultato. Ma nonostante questo ottimo risultato le conversioni dal tuo sito internet scarseggiano, come mai? Perché purtroppo la parola chiave per la quale sei in prima posizione è mediamente ricercata da circa 50 utenti mensilmente! Ti conviene quindi fare un’analisi per capire cosa può cercare online un utente potenzialmente interessato al tuo servizio.

Tool per capire gli intenti di ricerca

Non sempre però è facile riuscire a immaginare cosa possono cercare i nostri utenti. Fortunatamente sono stati sviluppati dei tool che ci aiutano in questo compito.
Di seguito ve ne suggeriamo qualcuno:

  • Answerthepublic.com: ha una versione free ed una a pagamento. È molto intuitivo e ti permette di capire se ci sono ricerche per la parola chiave di tuo interesse e cosa potrebbero cercare gli utenti in merito ad essa, rilasciando un output grafico molto intuitivo. È molto utile per capire gli intenti di ricerca degli utenti
  • Ubersuggest: ti permette di capire i volumi di ricerca delle singole keyword e fornisce altri dati interessanti come ad esempio l’analisi delle SERP relative alla tua chiave di ricerca
  • Google Keyword Tools: è lo strumento di Google ADS. È sicuramente il più affidabile per avere informazioni il più possibile precise sui volumi di ricerca. Purtroppo possono utilizzarlo solo utenti che hanno campagne Google ADS attive

Speriamo con questo articolo di averti fornito qualche informazione utile. Se ti appassiona l’idea di capire al meglio chi è, come ragiona e cosa vuole il tuo utente target ti suggeriamo di scaricare la nostra guida sulle buyer personas!
Se invece hai bisogno di supporto per impostare la tua strategia SEO contattaci, è una delle nostre specialità!

 

Contattaci

 

547 visualizzazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità del settore digitale, sui servizi della nostra agenzia, su eventi e corsi che realizziamo?

ISCRIVITI